Vaccini: Zaia,non dialogo ma coercizione

Il governatore Luca Zaia torna sul tema vaccini, dopo le difficoltà verificatesi in molte scuole, criticando che il Governo - sostiene - abbia scelto la strada della coercizione anzichè il dialogo. "Il nostro modello - spiega - puntava sul dialogo, si è deciso per la coercizione e questi sono i risultati". "Ho tentato di fare un decreto - ha ricordato il presidente del Veneto - che portasse i bimbi delle scuole dell'infanzia a fine anno. Il decreto Lorenzin dice una cosa che probabilmente qualcuno non ha capito, cioè che i bimbi da zero a sei anni non vaccinati restano a casa e quelli dai sei ai sedici restano a scuola. Qualcuno dovrebbe spiegarmi perché c'è il pericolo di tenere un bimbo fino a fine anno scolastico nelle scuole dell'infanzia se non è vaccinato e invece nella scuola dell'obbligo ci può rimanere. Serve un po' di buonsenso".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Padova News
  2. Padova News
  3. Oggi Treviso
  4. Il Gazzettino (venezia)
  5. Rovigo Oggi

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Este

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...